Pronti i sacchetti in Mater-bi di quarta generazione

Più resistenti, più trasparenti, più ecologici: Unicoop Firenze adotterà da maggio 2017 sacchetti in Mater-bi di quarta generazione per i prodotti sfusi di macelleria e pescheria, sostituendo anche il precedente Mater-bi già in uso per gli shopper spesa e per i sacchetti dell’ortofrutta. Il Mater-bi di quarta generazione, prodotto da Novamont, è caratterizzato da un livello di emissioni di gas serra più ridotto e da un contenuto superiore al 40% di materie prime rinnovabili.

“Un impegno per l’ambiente da parte di Unicoop Firenze, ma anche un servizio migliore al consumatore” ha affermato Claudio Vanni, responsabile relazioni esterne della cooperativa di consumo, presentando alla Mostra dell’Artigianato di Firenze i nuovi sacchetti (realizzati, come i precedenti, dalla Ipt di Scarperia), insieme al direttore acquisti di Unicoop Firenze Francesca Gatteschi, al direttore commerciale di Novamont Alessandro Ferlito, e al presidente di Ipt Graziano Chini.

“L’iniziativa di Unicoop – ha ricordato proprio Chini – ci ha dato l’opportunità nel corso degli anni di ristrutturarsi, di riconvertire le nostre linee produttive, e con investimenti molto importanti abbiamo avuto e abbiamo l’opportunità di essere presenti su tutti il mercato nazionale. Quando nel 2009 Unicoop ha iniziato a distribuire nei propri punti vendita i nostri prodotti eravamo 32 addetti, ora siamo 63, quindi c’è stato un passo enorme in termini di investimenti ma anche di occupazione. Dal punto di vista del fatturato, nel 2009 eravamo sotto i dieci milioni di euro, ora siamo a 33 milioni“.

Con l’adozione a maggio 2017 Unicoop Firenze anticipa la normativa nazionale, che renderà obbligatorio l’utilizzo di sacchi frutta e verdura compostabili dall’inizio del 2018. La scelta a favore del Mater-bi della cooperativa di consumo, dal 2009, ha fatto produrre 4900 tonnellate in meno di rifiuti di plastica rispetto a quanto sarebbe successo in assenza di scelte e norme nella direzione della sostenibilità ambientale.

Per rimanere sempre aggiornato con su ambiente, agricoltura, rinnovabili, bandi e finanziamenti iscriviti alla newsletter di EN.AM.CO.

About The Author

ADD YOUR COMMENT